Articoli correlati ‘ferdinando dubla’

25 aprile 2017 ★ Festa della Liberazione – Martina Franca

21 aprile 2017

Celebrazione del 72° anniversario della LIBERAZIONE dell’Italia dal nazifascismo:

***

Martedì 25 aprile 2017 – Festa della LIBERAZIONE:
“uno, due, tre … stella – i bambini e la Resistenza”

***

Programma della giornata:

★ ore 10.00 – Piazza Vittorio Veneto
Cerimonia Commemorativa
interverranno:
dott. Ferdinando Santoriello (Commissario Straordinario del Comune di Martina Franca)
dott.ssa Monica Manca (Presidente Sezione ANPI Martina Franca)

★ dalle ore 11.00 alle ore 13.00 – Piazzetta Sant’Antonio
Banchetto Resistente

★ ore 18.00 – via Cavour, 16 (presso l’Associazione Sine Cura Lab)
“il sentiero dei nidi di ragno” da Italo Calvino spunti di riflessione e dialogo sulla Resistenza vista con gli occhi di bambino.
interverranno:
dott. Giuseppe Stea (Presidente Provinciale Anpi Taranto)
prof. Ferdinando Dubla (insegnante di filosofia e scienze sociali)
dott.sa Alessandra Manca (Direttivo sezione ANPI Martina Franca)

Ricordiamo, inoltre, che nel corso della giornata sarà possibile tesserarsi.

 

Locandina 25 aprile 2017

COMUNICATO STAMPA

A distanza di 72 anni dal quel 25 aprile 1945, gli antifascisti di tutta Italia sono ancora impegnati a tramandare i valori della Resistenza e della Lotta Partigiana.

Davamo per certo che fossero acquisiti alcuni insegnamenti dei valorosi patrioti che, in alcuni casi, hanno sacrificato la propria vita, anteponendo l’ideale di pace e libertà a tutto, ma ci sbagliavamo.

Ancora oggi, infatti, ci troviamo a dover fronteggiare situazioni di razzismo latente e crescente, atti criminali a sfondo xenofobo e forzature ideologiche, oltre il limite concesso dalla Carta fondamentale della Repubblica.

Come se ciò non bastasse, si aggiunge anche la contrapposizione all’Anpi da parte del partito democratico di Roma che non parteciperà al corteo ufficiale degli antifascisti, proponendo una manifestazione alternativa con la comunità ebraica. In merito a tale situazione, con una nota ufficiale l’Anpi Nazionale ha giudicato gravissima questa scelta compiuta da parte di un partito che ha radici ideologiche importanti e ben schierate. Evidentemente, le recenti vicende politiche, con particolare riferimento al risultato del referendum costituzionale, hanno influito sui rapporti tra pd ed Anpi, portando a questo atteggiamento che va in direzione diametralmente opposta dalla strada tracciata dagli antifascisti sui monti.

A Martina Franca, come in tutte le città italiane, ricerchiamo la completa inclusione di tutti i soggetti democratici ed antifascisti, per creare un fronte comune in difesa della Costituzione, delle libertà individuali e dei diritti civili, per i quali non bisogna mai smettere di lottare.

Per questi motivi, richiamiamo in piazza al nostro fianco tutta la parte migliore della società, ed in particolare ci rivolgiamo alle nuove generazioni, perché possano portare un fresco contributo alla continuità dei valori solidaristici e progressisti dei Partigiani.

Quest’anno, per l’organizzazione del consueto dibattito del 25 aprile, abbiamo pensato proprio alle giovani leve della Resistenza, ovvero a tutti quei bambini che, tra incoscienza e immensa voglia di libertà, hanno collaborato alla liberazione dell’Italia dal nazifascismo.

La giornata del 25 aprile a Martina Franca sarà articolata in diversi momenti. Alle ore 10.00 saremo in Piazza Vittorio Veneto per commemorare i caduti della Resistenza assieme al Commissario Straordinario del Comune di Martina Franca, dott. Ferdinando Santoriello. Dalle 11.00 alle 13.00, in piazzetta sant’Antonio, allestiremo un banchetto informativo durante il quale sarà possibile tesserarsi all’Anpi. Alle ore 18.00, presso i locali dell’Associazione “Sine Cura Lab” in via Cavour 16, ci sarà l’incontro pubblico che, partendo dal libro di Italo Calvino “Il sentiero dei nidi di ragno”, rappresenterà un momento di riflessione e dialogo sulla Resistenza vista con gli occhi di bambino. Sono previsti gli interventi del dott. Giuseppe Stea (Presidente Provinciale Anpi Taranto), del prof. Ferdinando Dubla (insegnante di filosofia e scienze sociali) e della dott.sa Alessandra Manca (Direttivo sezione ANPI Martina Franca).

La cittadinanza è invitata.

Dalla terra i germogli della rivolta antifascista

13 dicembre 2013

“Dalla terra i germogli della rivolta antifascista” – libri, storie e poesie dell’antifascismo meridionale.

“Dalla terra i germogli della rivolta antifascista” – libri, storie e poesie dell’antifascismo meridionale.

Il mezzogiorno d’Italia, da sempre relegato in secondo piano per quanto riguarda le lotte al fascismo e di Resistenza, in realtà ha partorito personaggi, purtroppo poco conosciuti, che hanno capeggiato rivolte ed insurrezioni antifasciste, pagandone le conseguenze molte volte anche con la propria vita.

È proprio dalla terra, fonte di vita di molte famiglie del sud Italia, che sono nati i primi germogli della lotta al fascismo, grazie ai quali si sono poste le basi per la crescita dell’albero della democrazia e della libertà dai soprusi.

Figura emblematica in tale contesto è quella di Angelo Antonicelli, contadino di Massafra che, per niente impegnato socialmente in gioventù, maturò nel corso della sua vita una coscienza e consapevolezza politica tale da portarlo a pagare con anni di prigionia la sua ribellione contro le ingiustizie e le prepotenze del periodo fascista.

Nello stesso periodo in cui Antonicelli si trovava in carcere, a Martina Franca circa quattromila contadini, stanchi delle imposizioni del podestà Davide Carrieri, incendiavano la casa del fascio e tenevano a lungo la città in stallo, favorendo un provvedimento ministeriale che determinò la chiusura della sezione locale del Partito Nazionale Fascista.

Per meglio conoscere questi nostri conterranei di cui poco si parla ma che rappresentarono e rappresentano simboli della lotta meridionale, l’ANPI di Martina Franca organizza un’incontro per venerdì 20 dicembre alle ore 18 presso la suggestiva Casa Cappellari – Ex Ospedaletto, all’interno della mostra mercato di natale “Manufacta”.

Nel corso dell’evento sono previsti gli interventi di Alessandra Manca (Coordinatrice dell’ANPI di Martina Franca), Giancarlo Girardi (curatore del libro “Il Sovversivo”) e Ferdinando Dubla (Storico del Movimento Operaio e autore del libro “Insurrezione o attesismo – La rivolta di Martina Franca del 3 aprile 1930).

Filippo Carrozzo leggerà alcune poesie di Rocco Scotellaro e Cesare Teofilato

Inoltre, saranno lette dall’attore Filippo Carrozzo alcune poesie di Rocco Scotellaro e Cesare Teofilato; il primo, poeta, scrittore e politico lucano, le cui opere sono strettamente collegate alla società contadina, fu tra i maggiori promotori della Riforma Agraria del Sud e sindaco di Tricarico; il secondo, storico e politico socialista, fu sindaco di Francavilla Fontana e insegnante alla soglia dell’anarchia negli anni del regime fascista e venne arrestato e condannato perché contestò duramente la Riforma Gentile che imponeva al personale docente l’obbligo dell’iscrizione al Partito Nazionale Fascista.